L’esplosione della felicità

ilbuonoilbruttoilcattivocimiteroNon so se riuscirò a trasmettere l’emozione di aver ascoltato la “Febbre dell’oro” dal vivo. Un’invasione dentro di me, un’alienazione del corpo, un’esplosione di sensi. Ho chiuso gli occhi e mi sono fatto portare per mano da quelle note che mi hanno accompagnato dentro i film. Sono tante le cose da fare durante una vita, ma ascoltare Ennio Morricone è sicuramente una di quelle che sono contento di aver fatto. Se poi hai la fortuna di condividere questo momento con la persona con cui vuoi vivere domani e i tuoi amici, tutto diventa l’esplosione della felicità.

Annunci

La cosiddetta “scopa in c##o”

broom-24266_640Oggi mentre pranzavo in un celebre fast food sponsor dell’EXPO, non ho potuto non notare una ragazza che stava spazzando, la stessa che poco tempo prima era alla cassa. Beh, ho pensato tra me e me, altro che polifunzionalità e buona volontà hanno questi dipendenti, tutti si fa tutto un po’ come succede in una piccolissima azienda familiare ma con una differenza di fatturato di molti zeri. Ad un certo punto comincia a parlare e capisco chiaramente che oltre spazzare stava anche rispondendo al cliente posizionato fuori con la macchina che chiedeva il suo sacrosanto panino. Infine, poiché si trattava di una ragazza particolarmente educata, mentre parlava e con una mano teneva scopa e paletta, ha aiutato un cliente imbranato in difficoltà con il cestino dei rifiuti. Brava la ragazza, ci mancherebbe però de’ anche voi datevi una regolata co’ sti ragazzi…una scopa in c##o, no?!?

La tranquillità

Badia a PassignanoOgni giornata ha qualcosa per cui vale la pena arrivare fino in fondo. Ed oggi, nel tratto di strada tra Greve in Chianti e Tavarnelle, passando per Badia a Passignano, ho potuto godere del silenzio di quella strada ma soprattutto di quella sensazione di tranquillità. Non c’è bisogno di andare troppo lontano o cercare termini diversi: la tranquillità. Il frastuono, le chiacchiere, i telefoni, spariscono improvvisamente come incontrando un film muto in televisione nel giorno di Natale. Lasciano spazio a quella sensazione, che ti appaga di una giornata, storta o diritta che sia. E più passa il tempo, più sono convinto che facciamo troppo rumore inutilmente togliendo quegli spazi indispensabili alla nostra tranquillità.

Rivoluzione permamente?

Internet2A volte mi domando se il tempo che stiamo vivendo è il più rivoluzionario di tutti i tempi. Non so se possa esistere una risposta ma quanto meno avrei bisogno di conoscere una persona, animale, extraterrestre e così via che, conoscendo tutti i tempi dal big bang ad oggi, possa dirmi quale siano i trenta, quaranta, cinquanta anni che hanno rivoluzionato di più loro stessi. Chissà, magari siamo di fronte ad una rivoluzione permanente, in cui ogni anno si progredisce (?) sempre di più. A me pare siano questi, quelli che stiamo vivendo, dei tempi incredibili anche perché l’impatto di internet sul mondo non si discute. Ma l’invenzione del treno? Della corrente elettrica o addirittura del fuoco, che impatto hanno avuto sulla loro epoca? Lasciamoci così, con una domanda.

Io sono #antifascista

Se serve un giorno, il ‪#‎25aprile‬, per rimarcare ciò che sono ogni giorno, perché non dirlo, perché non urlarlo: io sono ‪#‎antifascista‬. E settant’anni fa sarei stato con i ‪#‎partigiani‬, sulle montagne a combattere per l’unica sorta di rivoluzione che gli italiani abbiano mai visto, non con i fascisti, non con i nazisti, non con i repubblichini e non con chi ha colto anche gli ultimi attimi della sua storia per fuggire. “Mussolini ha avuto una sorte che, a dir poco, si è meritato», non lo dico io ma quel partigiano della storia, il compagno Ivano Tognarini. Ed oggi, la nuova frontiera della destra, il qualunquismo, cerca di sbiadire quei valori che i nostri nonni ci hanno insegnato, con le loro storie, le loro sofferenze, la loro vittoria. Ma noi non dimentichiamo, perché oggi, il coinvolgimento nelle celebrazioni di forze che all’epoca non avrebbero combattuto per questa Libertà e questa Costituzione, non deve significare che “siamo stati tutti uguali”. Oggi lo gridiamo, più forte degli altri giorni, #‎oraesempreresistenza‬.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: