Ho molta più paura degli italiani che di quei 629 migranti

Di fronte all’ipocrisia di un paese che si definisce cattolico, che si batte per il presepe ed il crocifisso, io ho paura. Radici che la destra vorrebbe fossero anche dell’Europa perché insite nella propria storia, dimenticando le invasioni, i saccheggi e lo sfruttamento che le sue nazioni fondanti hanno perpetrato nei secoli all’Africa. Ma ho paura anche di tutti quegli Stati che ci guardano inermi e  godendo a loro insaputa del plauso degli italiani che vorrebbero un’Italia che si comportasse come loro. Ecco, se l’Italia che dice no è razzista, gli altri Stati che ci girano le spalle sono disumani.

Ho paura anche di questo Governo, del Ministro Salvini, che usa la forza e le forzature ancor prima delle parole e della diplomazia, del Ministro Di Maio, che (spazio lasciato appositamente vuoto), del Presidente Prof. Conte, che si gode solo gli onori della carica e non gli oneri: né di destra, né di sinistra vuol dire destra.

Ma ho molta più paura degli italiani che di quei 629 migranti. Sbizzarritevi pure, chiedendovi però un po’ più di originalità rispetto ad “allora li portiamo a casa tua”: casa mia è questo Stato e questo Stato deve trovare una soluzione diplomatica senza giocare con la pelle degli esseri umani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: